logocg

Rete-Solidale-Crazy-Ghosts-foto-Adamo1Nel 1999 un gruppo di amici, animato dal desiderio di scuotere una realtà poco attenta alle problematiche della disabilità, decide di costituire in provincia di Salerno un’associazione in grado di promuovere in concreto l’integrazione delle persone disabili. Nasce cosi´ l’Associazione Sportiva Disabili “Crazy Ghosts”. Un nome, quello scelto, tutt´altro che casuale. Nella traduzione dall´inglese all´italiano infatti “Crazy” significa letteralmente “pazzi”, proprio come si definiscono i giovani di questo movimento che hanno abbracciato un progetto ambizioso in un contesto sociale e culturale non sempre sensibile alle tematiche relative alla diversità e al disagio.

Il sostantivo “Ghosts” invece sta per “fantasmi”: come tutte quelle persone invisibili costretteseriea quotidianamente a fare i conti con una comunità che preferisce ignorare coloro che sono costretti a lottare strenuamente per vedere riconosciuti i propri diritti in un contesto in cui pari opportunità dovrebbero essere un valore già consolidato in questa società che si definisce civile ma che spesso non lo è. Ebbene nel corso di questa breve vita l´associazione si è prefissata l’obiettivo di “stanare” tutte queste persone per iniziare insieme un percorso che favorisca la socializzazione, l’integrazione, il confronto sui problemi e la loro soluzione. Un cammino, quello intrapreso dai “fantasmi pazzi”, che ha avvicinato tanti giovani al movimento, un cammino che prosegue inesorabilmente e che ha un traguardo ambizioso da raggiungere: diventare punto di riferimento per cittadini e istituzioni nella provincia di Salerno per quel che concerne le tematiche inerenti l’integrazione a tutti i livelli delle persone disabili.