Questo sito utilizza cookie tecnici. Se l'utente prosegue, egli accetta.

serieaAssociazione Sportiva Disabili Crazy Ghosts

 

A.S.D. Crazy Ghosts
Via De Filippo 31, 84091, Battipaglia, SA
T 366 77.44.442

Email: presidenza@crazyghosts.it

Top Panel
- - - - - -

Team CrazyGhosts

Uniti si vince

La partita

La partita è il frutto dell'allenamento

Differenze

Oltre le barriere per abbattere le differenze

Divertimento

Passione,sudore e ... sorrisi

Tifosi e fan

Sugli spalti oltre il campo da gioco

< >
Lo Sport che unisce
Oltre i confini , oltre i propri limiti
Lo sport unisce oltre i confini oltre le differenze
Da piccoli...
...si comincia per diventare campioni
Il basket è un gioco per crescere,imparare e divertirsi
Le paralimpiadi
Un sogno per tutti
Le olimpiadi, il sogno di ogni sportivo
La Nazionale
Per confrontarsi nel mondo
Il sogno di ogni atleta italiano
Finali scudetto
Il titolo tricolore per accedere in Europa
La finale nazionale, ogni club la sogna

Prossimi Eventi

No events
A+ R A-
Notizie dall'Italia e dal mondo per essere aggiornati sul basket in carrozzina.
Gli appuntamenti, i retroscena per essere aggiornati sul mondo del WheelChair Basketball.
Centro Paralimpico
Inaugurato il centro di preparazione paralimpica
Nel pomeriggio di lunedì 25 settembre a Roma è stato inaugurato il primo Centro di Preparazione Paralimpica in Italia...
Serie A Fipic
Tutta la serie A
Per la prima volta nella storia della Federazione Italiana Pallacanestro in Carrozzina, sarà possibile rivedere ...
Serie A
Il punto sul campionato

Le Regole

Prima di iniziare ufficialmente l'attività, tutti gli atleti sono sottoposti ad una valutazione sul campo da parte di una Commissione Classificatoria.

In base alle capacità funzionali residue, ad ogni giocatore viene così assegnato un punteggio che internazionalmente va da 0,5 a 4,5. Cioè ad un handicap maggiore (e quindi a potenzialità fisiche minori come, ad es. un paraplegico con scarso o nullo controllo del tronco) corrisponde un punteggio di 0,5 punti e, viceversa,

ad un handicap meno importante (es. un amputato ad una gamba sotto il ginocchio) corrisponde il punteggio maggiore. In Italia, è possibile schierare in campo, tra gli altri, un giocatore normodotato, classificato come punto 5 (questa è una regola transitoria a scopo promozionale, dettata soprattutto dalla scarsità di atleti e tesa, appunto, ad incrementare il numero di squadre partecipanti ai campionati nazionali).

Al fine di garantire il massimo equilibrio tra le squadre in campo, durante le partite la somma dei valori di ogni quintetto non deve superare i 14,5 punti.

Questa regola è nata quando Nazionali come quella di Israele stravincevano i campionati mondiali con in campo quintetti composti per lo più da poliomielitici, che avevano potenzialità fisiche superiori a quelle degli americani che giocavano con squadre di paraplegici. Per dominare sulle altre formazioni, si manifestò la tendenza ad escludere dalle selezioni, e persino dalle squadre di club, i paraplegici per schierare in campo poliomielitici o amputati che conservavano un controllo del tronco e delle braccia (e, conseguentemente, della carrozzina) molto maggiore rispetto ai primi. Con la regola dei 14,5 punti in campo una squadra che schiera, ad esempio, due amputati da 4,5 è costretta a ricorrere a giocatori con una bassa classificazione, quasi sempre paraplegici, appunto, per non superare tale quota.

Per il resto non esistono sostanziali differenze di regolamento rispetto al basket per normodotati; sono previste però delle infrazioni particolari: non è consentito sollevarsi dal sedile della carrozzina (è considerato un fallo tecnico), avanzare con la palla senza palleggiare dopo due spinte (questa regola sostituisce, di fatto, l'infrazione di "passi", o "travelling" del basket in piedi), sollevare da terra contemporaneamente le due ruote posteriori con la palla in mano. Inoltre è considerato fallo antisportivo, punito con 1 tiro libero e possesso palla alla squadra avversaria, trattenere con le mani la carrozzina dell'avversario.

In sostanza si può dire che il basket in carrozzina è uno dei pochi sport per disabili che schiera contemporaneamente in campo atleti con diversi tipi di disabilità e soprattutto diverso potenziale fisico.

0
0
0
s2sdefault
Lo sport va a cercare la paura per dominarla, la fatica per trionfarne, la difficoltà per vincerla.(Pierre De Coubertin).
Pierre De Coubertin

Photo Gallery

La Crazy Ghosts nasce nel 1999, da allora una realtà sempre attenta alle problematiche della disabilità.
Nella traduzione dall´inglese all´italiano “Crazy” significa letteralmente “pazzi”, proprio come si definiscono i giovani di questo movimento per un progetto ambizioso in un contesto sociale e culturale non sempre sensibile alle tematiche relative alla diversità e al disagio.
L´associazione si è prefissata l’obiettivo di “stanare” tutte le persone con problemi di disabilità per iniziare insieme un percorso che favorisca la socializzazione, l’integrazione, il confronto sui problemi e la loro soluzione. Un cammino, quello intrapreso dai “fantasmi pazzi”, che ha avvicinato tanti giovani al movimento.

Informazioni di contatto

Telephone: 366 77.44.442
email: presidenza@crazyghosts.it
Indirizzo Via E.De Filippo 31 Battipaglia(SA)

Seguici su Facebook

Dove Siamo